Most Popular


Da Dante a Elsa Morante, ecco le fiction Rai del futuro
Tra i progetti, anche Il Regno di Emmanuel Carrère ...



"Sosteneteci vivi, non da morti". È rivolta della polizia in piazza

Rated: , 0 Comments
Total hits: 4
Posted on: 10/22/19
C'è orgoglio sì, ma anche "malessere professionale e umano". Ecco perché dopo le centinaia di feriti e i troppi morti, ora polizia, carabinieri, finanzieri, penitenziari e vigili del fuoco hanno deciso di scendere in piazza per chiedere al governo italiano "la giusta considerazione".Senza bandiere di sindacato, ma solo col Tricolore, gli agenti si sono ritrovati in piazza Montecitorio. Centinaia di persone per urlare che le divise sono disposte ad essere "servitori" dello Stato, ma non "servi". Differenza sostanziale. "Siamo servitori del nostro popolo cui dobbiamo garantire sicurezza", dice al Giornale.it Andrea Cecchini, celerino, segretario di Italia Celere e promotore della manifestazione di piazza. Le parole d'ordine sono "dignità", "tutele sanitarie e legali", "regole di ingaggio chiare". Ma soprattutto la "fine di un clima di demonizzazione nei confronti degli uomini in divisa".[[gallery 1773139]]Il sit-in di fronte alla Camera si basa su due eventi scatenanti. Il primo, l'omicidio in questura di Trieste di Pier Luigi Rotta e Matteo Demenego. Alla classica goccia che ha fatto traboccare il vaso ha poi fatto da contraltare l'ennesima legge di bilancio in cui entra di tutto, dalle sugar tax alle pene per gli evasori, ma non trovano spazio risorse sufficienti per le forze dell'ordine. "I finanziamenti per la sicurezza sono sempre più emergenziali - sottolinea Cecchini - rendendo i nostri equipaggiamenti obsoleti, inidonei o comunque precari". Domani a Palazzo Chigi, "Giuseppi" Conte incontrerà i delegati della polizia, dopo "l'oltraggio" di non averli convocati (come previsto dalla legge) prima di approvare il Def.[[video 1773210]]Di lamentele le divise ne hanno a bizzeffe. Si va da quelle più terrene, come i mancati rinnovi dei contratti o il blocco ormai paralitico delle assunzioni. Poi ci sono le dotazioni inadeguate, i mezzi non idonei e l'assenza di leggi chiare o protocolli operativi. Fino ad arrivare alla legittima richiesta di maggior considerazione. "Un perverso garantismo - dice Cecchini - tutela molto più quelli che mandano all'ospedale un nostro collega rispetto a quelli che hanno il compito di arrestarli". Gli agenti vivono nel "costante incubo" di ritrovarsi dal ruolo di "guardia" a quello di "imputato", subendo "processi che durano molti anni e con spese ingenti" solo per aver fatto il proprio dovere. Per non parlare di quei malviventi catturati al mattino e liberati la sera, quelli che "ce li ritroviamo il giorno dopo" a commettere gli stessi reati "irridendoci anche pubblicamente e senza conseguenze".[[video 1773141]]I promotori hanno invitato la politica a scendere al fianco della polizia. L'invito è stato recapitato a tutti i gruppi parlamentari "affinché i loro rappresentanti vengano ad ascoltare le nostre proposte". A rispondere Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. In piazza passerà anche Giorgia Meloni. L'onorevole Silvestroni (Fdi), in conferenza stampa, ha chiesto che lo "Stato sia più vicino" alla polizia, ricordando come "al governo c'è la Boldrini, Renzi e quel Pd che hanno inserito e voluto il reato di tortura che penalizza l'attività delle forze dell'ordine". Per Gasparri (Fi), invece, in Italia ci si indigna a sproposito per le bende sul viso del giovane americano coinvolto nell'omicidio del brigadiere Cerciello e poi ci si straccia le vesti per i due poliziotti uccisi a Trieste. Un cortocircuito che porta alla "delegittimazione" delle divise, secondo Davide Galantino (FdI), che nasce per colpa di quei "politici che si schierano con i criminali".A intervenire anche Valter Mazzetti, segretario generale del Fsp, per chiedere che le manette "possano essere utilizzate a prescindere". Una modalità operativa che, se applicata, forse avrebbe salvato la vita a Demenego e Rotta. "In piazza - attacca Giovanni d'Alessandri, segretario nazionale MP - c'è il sentimento delle forze di polizia e della parte sana dei cittadini". Un sentimento di scoramento, ma senza gettare la spugna. "Oggi viviamo in una sensazione di abbandono intollerabile - conclude Vincenzo Chianese, segretario generale Equilibrio Sicurezza -. Siamo stanchi. Dovete sostenerci da vivi non da morti".[[video 1773147]]




>>



Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?